Intervista su una democrazia antifascista

Intervista su una democrazia antifascista. Cosa ha dato e cosa ha tolto alla nostra Repubblica? Intervista rilasciata a Letture.org su Luci e ombre di una democrazia antifascista (Carocci editore, 2022)   1) Prof. Gaspare Nevola, Lei è autore del libro Luci e ombre di una democrazia antifascista. Viaggio nella Repubblica edito da Carocci. L’antifascismo rappresenta un “canone” politico-identitario della nostra Repubblica: come ha resistito tale canone di fronte ai cambiamenti e alle fratture sociali, politiche e culturali che ne hanno segnato la storia?  Il libro è una sorta di viaggio attraverso le diverse stagioni politiche e culturali della Repubblica, ruota attorno al tema dell’identità politica della Repubblica e al canone della memoria pubblica che vi si intreccia: l’identità politica e il canone della memoria sono quelli di una democrazia antifascista. Le feste civili della Repubblica (25 aprile, 2 giugno, 4 novembre), la loro nascita, il loro persistere e il loro mutare di accenti nei decenni esprimono le luci e le…

Continua a leggere Intervista su una democrazia antifascista

E’ guerra tra Ucraina e Russia. Lunga crisi dell’ordine internazionale liberale e tramonto della “fine della storia”

È guerra tra Russia e Ucraina. Un conflitto che ormai da oltre un mese ha spodestato la pandemia, e i suoi enigmatici annessi e connessi, dal trono mediatico. Lo scontro armato che tanto fa discutere e indigna si inscrive in una lunga vicenda di crisi e tensioni nell’area di confine tra i due Paesi, che coinvolge territori contesi: un confine lungo il quale si è ispessita una nuova “cortina di ferro”, una linea di demarcazione ipersensibile tra Europa occidentale e americanofila, da una parte, ed Europa russofila o post pansovietica, dall’altra; e non solo. Siamo di fronte a un contenzioso che risale al “dopo 1989-1992”, ai tempi del disfacimento della Federazione Sovietica: tra rivendicazioni territoriali e sovranità nazionali, tra micro-etnonazionalismi, secessionismi e irredentismi, tra interessi geopolitici e geoeconomici mal accomodati non solo tra gli Stati-nazioni confinanti (Russia e Ucraina), ma che sono anche fonte di contrasto tra le pretese di…

Continua a leggere E’ guerra tra Ucraina e Russia. Lunga crisi dell’ordine internazionale liberale e tramonto della “fine della storia”

Luci e ombre di una democrazia antifascista

Luci e ombre di una democrazia antifascista: di questo qui trattiamo. Tra le contorsioni della gestione della crisi pandemica e quelle odierne delle reazioni al conflitto russo-ukraino che ormai hanno cancellato dall’attenzione pubblica la vita sotto il Regno del Covid e ogni faticoso tentativo di riflettere seriamente e con senso critico sui danni che il “governo pandemico” ha recato alla qualità del vivere sociale, alla cultura politica, al senso e alle procedure liberaldemocratiche, al diritto e alla stessa Costituzione… si avvicina la ricorrenza del 25 aprile. La Festa della Liberazione: quella che per eccellenza è la celebrazione dell’antifascismo e dei valori fondativi della Repubblica democratica italiana. Vale quindi la pena riflettere sulla nostra democrazia antifascista e sull’eredità politica, culturale e sociale dell’antifascismo. A ragionarci sopra con sobrietà, si possono cogliere elementi di fondo della nostra cultura politica e del suo deficit democratico, che i nostri tempi hanno solo reso più…

Continua a leggere Luci e ombre di una democrazia antifascista

Chi ha occhi per vedere? Eroismo della ragionevolezza, governo della pandemia

Chi ha occhi per vedere? Di fronte al protrarsi della crisi pandemica nonostante la massiccia campagna vaccinale, nella nostra tanto decantata “società aperta” del tanto decantato Popper teorico del “fallibilismo scientifico,” mi sarei aspettato l’adozione della “logica del problem solving” e che si procedesse per “prova, errore e correzione dell’errore”. Me lo sarei aspettato dai governi e dalle classi dirigenti, dalle burocrazie tecno-scientifiche, dagli esperti di settore; mi sarei aspettato che tale logica fosse reclamata dagli uomini di cultura e dagli intellettuali, e fatta circolare nei grandi canali della comunicazione e dell’informazione. Mi sarei aspettato, ad esempio, che ci si interrogasse sui limiti e sugli errori che in questi due anni si sono palesati: 1) nelle conoscenze scientifiche relative al virus, al contagio e al vaccino, 2) nelle decisioni sanitarie e politiche prese per arginare la pandemia e i suoi effetti, 3) nell’idea e nella pratica di giocare tutta la…

Continua a leggere Chi ha occhi per vedere? Eroismo della ragionevolezza, governo della pandemia

Pandemia che non passa e capro espiatorio. Una società in cerca di cura, e che piglia lucciole per lanterne

Pandemia che non passa. Ragioniamo sulla Covid-endemia.    No, sul ponte non sventola la bandiera bianca. Non quella del veneto Arnaldo Fusinato, che al passar di una gondola dalla città gridavano: “Ehi della gondola, qual novità?”, e in risposta arrivava “Il morbo infuria… il pan ci manca… Sul ponte sventola bandiera bianca!”. Non quella del siciliano Franco Battiato: “Mr. Tamburino non ho voglia di scherzare. Rimettiamoci la maglia, i tempi stanno per cambiare. Per fortuna il mio razzismo non mi fa guardare quei programmi demenziali con tribune elettorali… Sul ponte sventola bandiera bianca”. Semmai, tira gran voglia di bandiera gialla, quella del Gianni anni ’60, sempreverde e che con tecnologici passaparola smuove il mondo (o almeno gli amici): “Sì, questa sera è festa grande. Noi scendiamo in pista subito. E se vuoi divertiti, vieni qua… Finché vedrai sventolar bandiera gialla, tu saprai che qui si balla.”. E però no, non…

Continua a leggere Pandemia che non passa e capro espiatorio. Una società in cerca di cura, e che piglia lucciole per lanterne

Dialogo tra Potere e Libertà. Lo sguardo del vecchio russo sui nostri tempi

DIALOGO TRA POTERE E LIBERTA’ PERSONAGGI: l’Inquisitore, Lui, il potere, la libertà, la società degli uomini SI APRE IL SIPARIO Ecco. Entra in scena, uscendo dal buio. Si accompagna ad una lampada, si appoggia ad un bastone. I suoi occhi scorrono la stanza finché incrociano lo sguardo di Lui e si posano fissi sul suo volto. La mano sul tavolo, il tremolio delle dita non è teatrale. Di lui si scorge appena la sagoma, nella penombra. Siamo all’incontro tanto atteso tra il vecchio Inquisitore e Lui. INQUISITORE. Sei tu? Allora, sei tu? Sì, sei tu… Ma certo, non rispondi. Taci. Continui a tacere… Cos’altro potresti fare? Cosa mai potresti dire? So bene cosa potresti dire, se la rinuncia al silenzio fosse cosa tua! Ma tu non sai rinunciare… E poi, ascoltami: tu non hai neppure il diritto di aggiungere qualcosa a quello da te già detto la volta precedente. Chiaro?!…

Continua a leggere Dialogo tra Potere e Libertà. Lo sguardo del vecchio russo sui nostri tempi

Diritti fondamentali, green pass e vaccino. Maggioranza, minoranze e giustizia in una democrazia sotto il Regno del Covid

Diritti fondamentali dell’uomo, green pass, vaccino. Questo è il tema. Cosa ci dice a proposito del rapporto tra maggioranza, minoranze e giustizia in una democrazia sotto il Regno del Covid? L’ordine politico non si basa solo sulla forza o sulla convenienza. Il potere che lo organizza è limitato dal diritto: a quest’ultimo spetta il compito di giustificare ciò che si può fare e identificare ciò che non si deve fare anche se si può fare o si sarebbe in grado di fare. Tramite il diritto, la politica si fa carico di governare secondo principi di giustizia. A tal fine, il diritto deve però essere esso stesso “al di sopra di ogni sospetto”: deve essere un “diritto giusto”. È all’interno di questo quadro che dovremmo discutere della legittimità del green pass adottato dal governo italiano come misura di contrasto della diffusione del contagio da Covid, una misura che, di fatto, introduce,…

Continua a leggere Diritti fondamentali, green pass e vaccino. Maggioranza, minoranze e giustizia in una democrazia sotto il Regno del Covid

Green pass: Lettera aperta degli studenti dell’Università di Bergamo

Vaccino, “green pass” e università. E democrazia Come contributo all’informazione e al confronto pubblico in merito a quanto accade sotto il nostro cielo, riporto di seguito la “Lettera degli studenti dell’Università di Bergamo al rettore, ai professori e alla comunità universitaria”, resa nota il 1° settembre 2021. Assumo che la lettera sia autentica, che la mano e la testa siano quelle degli studenti dell’Università di Bergamo (che dopotutto esistono). Ma qualora le cose non dovessero rispondere a quanto assumo, poco o punto cambia: tutto è verosimile, quindi degno di nota, per quanto mi interessa (Manzoni docet). Credo che l’iniziativa, il suo metodo e il suo merito, possano contribuire ad un discorso pubblico più aperto, senza streghe, eretici e crociati, senza caccia e cacciatori di streghe, senza roghi, che anche se virtuali, reali sono nelle loro conseguenze per la vita civile; un discorso pubblico dove possano e debbano trovare ascolto e…

Continua a leggere Green pass: Lettera aperta degli studenti dell’Università di Bergamo

Libertà di scelta e “spinte gentili”

Libertà di scelta e “spinte difficili”. Discutiamone un po’. Il Deutscher Ethikrat (Consiglio Etico Tedesco) è un comitato di esperti che fornisce pareri e raccomandazioni su temi che incrociano scienza, etica e diritto. Sotto Ferragosto Alena Buyx, la presidente, ha dichiarato che occorre evitare, almeno fino ad ottobre, di minacciare i cittadini non vaccinati di esclusione dalla vita sociale e lavorativa; secondo la prof.ssa Buyx è meglio insistere con la “spinta gentile” (nudge). Stando alle ultime notizie, il governo Merkel sta virando in direzione opposta a quelle raccomandata dal comitato. Ma cosa sono le “spinte gentili”? Si tratta di una tecnica che mira a persuadere le persone e a orientare le loro scelte, talora gravose o gravide di conseguenze importanti per il singolo e per la collettività; una tecnica nata da una teoria al crocevia tra scienze del comportamento ed economia, scienze cognitive e della comunicazione, diritto, scienze sociali e…

Continua a leggere Libertà di scelta e “spinte gentili”

No democracy without politics. Lo spettro orwelliano in abito democratico

No democracy without politics. Altrimenti lo spettro orwelliano, in abito democratico, s’intende. Ben pochi oggi sarebbero disposti a sacrificare le loro libertà per il bene della società. Nella “società liquida” dell’individualizzazione, osserva Bauman, «non è la libertà individuale che deve legittimarsi per la sua utilità sociale, ma è la società che deve legittimarsi in termini di servizio reso alla libertà del singolo». Il “bene comune”, insomma, non va per la maggiore. Sotto il regno del Covid, questa asimmetria tra libertà individuale e bene comune pare essersi eclissata, a favore del bene comune “salute e vita”, ma in realtà ciò che mobilita il grosso della cittadinanza a favore del vaccino è la paura, il legittimo, sano e naturale istinto “particulare” a difendere se stessi e i propri cari dalla minaccia virale: la paura fa 90, ma il bene comune non vive di solo di paura. Se allarghiamo lo sguardo, l’individualismo libertario…

Continua a leggere No democracy without politics. Lo spettro orwelliano in abito democratico