Pomponio, “scolaro” di Aberlardo. Virus, dissenso e fantasma della libertà

(Uscito, con altro titolo, su “l’Adige” e “Alto Adige”, 26 ottobre 2020 – Pubblicato su questo sito il 26 ottobre 2020) – Si può dissentire contro l’utilità e il diritto del coprifuoco anti-virus? È legittimo aspettarsi che tale dissenso si manifesti e sia affrontato in una pubblica discussione “ragionevole” e “critica” anziché essere tacciato di negazionismo, ignoranza o di attentato al bene comune della salute? Libertà di pensiero: cosa può dirci uno studente di 4 secoli fa, che si era laureato a Padova il 24 ottobre del 1552, sulla nostra cultura politica, sulla paura di dire come la si pensa e sul conformismo che ne discende? Roma, 19 agosto 1556. A piazza Navona fa molto caldo, ma è accesa una catasta: sopra, un calderone di olio, pece e trementina bollenti, vi si immerge un condannato che muore invocando Dio, senza lamenti, dopo indicibili sofferenze. I romani assistono commossi, la piazza…

Continua a leggere Pomponio, “scolaro” di Aberlardo. Virus, dissenso e fantasma della libertà